Artigianato a Siracusa – Carta di Papiro

Il Papiro è una bellissima pianta dal quale si produce la carta, questa è una forma antichissima di artigianato a Siracusa. La pianta del papiro fa farte della famiglia delle Cyperus che sono piante erbacee e annue, che vivono in acqua con fusti solide, con altezze diverse mentre all’estremità dei rami si trova una spighetta di fiori.
Il Papiro divenne famoso sopratutto per lo sviluppo della cultura perchè si ralizzavano fogli per scrivere, ma venne utilizzato dagli antichi anche per diverse qualità mediche, come alimento da mangiare crudo, lesso e arrosto, o per letti e vele di barche.
Il maggior sviluppo di questa carta-papiro avvenne nel periodo greco-romano che diede alla letteratura la possibilità di far giungere sino a noi i capolavori immortali di poeti, letterati, filosofi, legislatori.
La descrizione su come si ottine la carta di papiro, in modo antico, si trova nel XIII libro di Naturalis Historia di Plinio, e diceva che il foglio, o “plagula”,  si realizzava dopo aver scelto la parte più morbida del fusto, si toglieva la scorza esterna e si tagliava a strisce molto sottili dette “schide”. Si disponevano in verticale e poi in orizzontale, a venti alla volta, per due volte di seguito, dopodiche di passavano sotto un cilindro di legno o di pietra per appiattire il foglio, infine veniva essiccato all’aria e levigato e lucidato con un dente d’elefante.
Ancora oggi la tecnica usata dai siracusani è la medesima di quella descritta dallo storico Plinio, della ” plagula”.

 

 

 

visitato 4464 volte, 1 visite oggi

Aggiungi un Commento

Inserisci una valutazione cliccando sulle stelle in basso:

Articoli correlati